Acustica – Legge Quadro Nr 447

Legge sull’inquinamento acustico, gazzetta ufficiale 30 ottobre 1995

DPCM 5/12/97

  • Qualità d’Isolamento dai rumori tra differenti unità immobiliari
  • Qualità d’isolamento dai rumori esterni
  • Qualità di isolamento dai rumori da calpestio
  • Qualità di isolamento dai rumori d’impianti a funzionamento continuo
  • Tempi di riverbero e qualità del suono interno

Dopo un periodo di generalizzata indifferenza, dal 2000 il decreto innesca nel settore una vera rivoluzione culturale, riuscendo in pochi anni a produrre nel paese una grande sensibilità nei confronti della qualità del componente edilizio. Serramentisti, produttori di materiali isolanti, di blocchi in laterizio, di cemento, o di sistemi a secco, produttori grandi e piccoli, dal nord al sud, sono stati coinvolti in questa sforzo per l’ottimizzazione dei loro prodotti, riuscendo a sviluppare componenti innovativi e di qualità. Il decreto è riuscito ad incentivare progettazioni edilizie e pose in opera più curate, cercando di apportare incrementi della privacy, una diminuzione dei contenziosi tra condomini ed in termini generali, una migliore qualità di vita.

Nel Nord Italia … Alcuni studi di avvocati associati, sono nati proprio per questo motivo. OGGI, è possibile denunciare il costruttore, se esso ci ha venduto un immobile che non rispetta i Requisiti Acustici Passivi, tale immobile può subire un deprezzamento fino al 20% del suo valore. Ergo ogni immobile edificato dopo il 1997 deve rispettare i criteri di confort acustico impostati dallo stato. In alcuni casi speciali, l’acquirente può rivelarsi anche sul proprio comune, nel caso in cui il costruttore non fosse perseguibile.

In sintesi cosa si intende dire? Per quanto riguarda le regole imposte in acustica per gli isolamenti e/o insonorizzazioni, in generale o specialistiche che siano, quello che importa è il seguente:
Non devo essere disturbato per nessun motivo ed in alcun modo per più di 5 decibel (A) di giorno e più 3 decibel (A) di nott
e. Questo sta a significare che se un mio vicino rumoroso, o un’attività commerciale che sia, in piano fermento esercita 70/80/90/100 decibel che siano, l’interno acustico della mia abitazione/stanza/location/ufficio che sia, può variare fino ad un massimo di 5 decibel di giorno e fino ad un massimo di 3 decibel di notte.

DPCM 11-01-2017 – Riverberazione


Questo decreto all’interno della legge invece, sancisse i valori limite del confort acustico ambientale, che ogni ambiente chiuso deve avere per legge. Tale decreto VALIDO SOLAMENTE PER GLI ISTITUTI PUBBLICI come;
  • Scuole, o istituti di formazione, ogni aula didattiche deve per legge, installare pannelli e/o elementi atti al controllo, correzione e/o assorbimento del suono.
  • Scuole della prima infanzia, ove si ritiene rigorosamente raccomandato, questi tipi di istituti hanno l’obbligo oltre che legale, morale, ed in alcuni casi anche penale di eseguire tali opere.. Il caos di fatto, in questi istituti è inteso, e calcolato sensibilmente in modo più approfondito, mentre nel primo caso gli studenti oramai più grandi godono di un caos minore generato proprio dalla maturità che li contraddistingue, nelle aule dei più piccoli la situazione e ben diversa. Il loro fondo acustico è pari ad uno tsunami, ingovernabile ed ingestibile non solo per loro ma anche per gli addetti ai lavori, tali operatori che devono gestirli. i Bambini nel caos si eccitano, l’ormone dell’adrenalina sale, e diventano sempre più iperattivi, il risultato? Confusione chiama confusione, i livelli sonori salgono, e queste aule subiscono 2 problematiche principali, la prima è in un livello disarmante di fondo e volume acustico, quindi di densità del suono, sarebbe come oltrepassare un corridoio denso di fumo. Oltrepasseresti un corridoio denso di fumo? perché dunque deve essere diverso acusticamente parlando? La seconda problematica acustica si trova nella qualità del suono residuo, quindi nella comprensione dello stesso, immaginate una docente che cerca di chiamare bambini eccitati ed in pieno fermento, ci riuscite? Vi sarà sicuramente capitato di assistere a scene ove tale docente è praticamente ignorata, inesistente. Per i studenti più grandi ed anche sopratutto gli universitari, la questione legale è prettamente concentrata sulla qualità acustica con il fine di apprendere senza fatica, concetti sempre più complessi.
  • Ospedali
  • Case di Cura

In sintesi viene fissato un valore limite oltre il quale l’istituto si intende fuori legge. Questo valore ha un tempo limite oltre il quale non è possibile andare che corrisponde a 1,2 secondi. Molti istituti italiani hanno cominciato a cambiare divenendo sempre più sensibili, ma questo perché ? Sono state le volontà e la pazienza dei genitori, che solamente una volta riunitisi sono riusciti a forzare la barriera invisibile imposta dall’istituto, grazie alla disinformazione. In Italia 8 istituti su 10 risultano ancora fuori legge, e nessuno fa niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *